Ai Vicerè

B&B a Palermo in centro, vicino al Teatro Massimo e Politeama. A due passi da tutte le attrazioni e al centro storico. Prenota adesso il tuo soggiorno e vivi la Palermo più autentica.

Scopri Palermo

La Cattedrale

La Cattedrale di Palermo eretta dall’arcivescovo Gualtiero Offamilio, durante il regno di Guglielmo il Buono, fu completata nel 1185. Oggi purtroppo dell’edificio medievale rimangono solo alcune partizioni architettoniche. Nei secoli XIV XV eXVI l’edificio subì numerosi rimaneggiamenti, manomissioni e restauri che ne modificarono l’aspetto originario. Proprio per questo oggi la Cattedrale è caratterizzata dalla presenza di stili architettonici diversi.

La faccciata principale presenta un portico in stile gotico-catalano, costruito nel 1453 e costituito da due piloni che serrano un loggia sormontata da un timpano riccamente ornato di rilievi. La parte meridionale della chiesa è collegata al palazzo arcivescovile grazie a due arcate ogivali sulle quali si annalza la torre campanaria con l’orologio.

L’interno tra il 1700 e il 1800 subì molti cambiamenti. Nel 1781 con il restauro progettato da Ferdinando Fuga, la Cattedrale di Palermo cambiò completamente il suo aspetto originario. Infatti fu realizzata la cupola tardo-barocca e diede al duomo una pianta latina a tre navate divise da pilastri con staue rappresentati santi. Sul pavimento della navata centrale si può ammirare, davanti l’altare maggiore, una meridiana in marmo (come il pavimento) con tarsie colorate rappresentanti i segni zodiacali. nel presbiterio è presente un magnifico coro ligneo in stile gotico-catalano risalente alla dine del 1400.  e il trono episcopale composto da frammenti di antichi mosaici del XII secolo.

Di grande importanza all’interno della Cattedrale di Palermo, a destra del presbiterio, la Cappella di Santa Rosalia con l’altare  che custodisce l’urna seicentesca argentea con le reliquie della patrona di Palermo. Nella navata destra nella prima e nella seconda cappella a sud sono custodite le tombe imperiali e reali. In Particolare ricordiamo le tobe contenenti le spoglie  di Federico II, Ruggero II, Costanza D’aragona e l’imperatrice Costanza figlia di Ruggero II. Nelle stanze del Tesoro è possibile ammirare la tiara d’oro della Regina Costanza d’Aragona, insieme ad altri oggetti preziosi rinvenuti nei sepolcri reali. Sempre dalla navata destra è possibile accedere alla  suggestiva cripta della Cattedrale caratterizzata da volte a crociera sostenute da colonne granitiche.